Mezza maratona di Treviso – il racconto di Annalisa, Orietta e Sara

//Mezza maratona di Treviso – il racconto di Annalisa, Orietta e Sara

Mezza maratona di Treviso – il racconto di Annalisa, Orietta e Sara

Domenica 14 ottobre è stata una giornata campale per tutti noi cavalli marini che abbiamo partecipato alla Mezza Maratona di Treviso, prima di tutto perché siamo partiti in oltre 40 persone, un numero strabiliante di partecipanti, e poi perché, ma forse è il motivo più importante, alcuni di noi si cimentavano per la prima volta nella distanza dei 21,0975 km, la mezza maratona.

Con questo spirito battagliero, ma con la paura anche di non farcela, io, Orietta e Sara ci siamo trovate alla griglia di partenza insieme con gli altri nostri compagni elettrizzate e pronte a iniziare questa nostra avventura, tutte e tre insieme,  io non per la prima volta ma per Orietta e Sara sì…che emozione!

L’attesa, poi l’inno nazionale, poi il conto alla rovescia…e si parte!!!!!

I primi km sono stati abbastanza tranquilli, ci siamo fermate ai ristori, un bicchiere d’acqua veloce e si ripartiva, andando avanti di 5 km in 5 km, gustandoci il percorso tra viali alberati e centro storico, ridendo e chiaccherando fin quando il fiato ce lo ha permesso. Che ridere quando, davanti al fotografo ufficiale, ci stampavamo sul viso un sorriso come se fossimo fresche e riposate, specialmente negli ultimi km!!!!

Verso i 15 km circa la stanchezza inizia a farsi sentire, i muscoli iniziano a fare male, insomma, la distanza di 21 km non è proprio una passeggiata eh…ma abbiamo continuato, un po’ più piano, un po’ più veloce, fino ai 20 km quando abbiamo deciso di fermarci 2 minuti e camminare per non rischiare di non arrivare correndo alla fine…la nostra fortuna è stata che inaspettatamente c’è stato un ultimo ristoro per bere un po’ d’acqua e poi siamo ripartite per finire in bellezza la nostra gara.

L’ultima curva e abbiamo visto il traguardo, ma il momento più emozionante è stato quando alcuni di noi hanno iniziato ad urlare il nostro nome e a tifare per noi, poi Orietta ha visto Massimo in lontananza ed è stato molto più facile arrivare alla fine…

Tagliare il traguardo è stata una soddisfazione unica e la gioia che traspariva e l’espressione di Sara (che non aveva potuto prepararsi bene alla gara) credo abbiano reso molto bene l’idea…adesso care mie ci aspettano tante altre gare insieme, e sarà sempre meglio!!!!!!

Scritto da |2018-10-17T18:25:51+00:0017 Ottobre 2018|News|0 commenti