Freguja Daniele ritorno al Maddalena Urban Trail

//Freguja Daniele ritorno al Maddalena Urban Trail

Freguja Daniele ritorno al Maddalena Urban Trail

Freguja Daniele ritorno al Maddalena Urban Trail

Eccomi a raccontarvi la Maddalena Urban Trail di quest’anno, sono partito da Chioggia alle 5,15, le previsioni meteo della giornata non erano delle migliori, era previsto pioggia al nord per tutta la giornata, così è stato, in autostrada all’altezza dell’uscita di Verona sud, sono cominciate le prime gocce d’acqua.

Foto: Il Castello di Brescia

Arrivato al Castello di Brescia alle 7.20 dove si tiene la partenza e l’arrivo della gara, sono andato a prendermi il pettorale, sono ritornato all’auto per cambiarmi. ho indossato, visto la giornata piovosa, una maglia tecnica, la maglia della società, una giacca a vento, gli scaldamuscoli con sopra il pantaloncino con le tasche, e i calzettoni lunghi, o poi riempito la sacca d’acqua dello zaino da corsa, all’interno dello stesso ci ho messo un altro Kway , una maglietta, una berretta, un paio di guanti e come da regolamento della gara, il telo termico, la pila frontale, e il fischietto.

Foto : Il percorso rosso Km.43 dislivello positivo di 2650 m

Alle 8.30 la partenza. Mi ero iscritto alla gara sul percorso rosso, Km 43 (dislivello positivo di 2650 m quest’anno, gara valevole un punto per qualificarsi all’UTMB e al  CCC 2011), ma vi erano anche gli iscritti  degli  altri percorsi previsti: percorso bianco Km 12 e percorso verde km 20… siamo partiti tutti assieme al via dello speaker. Dopo l’uscita dal castello punto di partenza e di arrivo, la gara è andata in discesa, per poi percorrere il parco che stava giù in città, poi si è cominciato a salire, per poi addentrarsi lungo un sentiero, tutta la gara si è percorsa su un terreno a tratti scivoloso per la pioggia, ma molto spettacolare, con vedute spettacolari dall’alto di Brescia è dintorni.

Mentre correvo su un sentiero sono scivolato e sono caduto, mi sono poi rialzato ma mi faceva male l’inguine (la parte dell’inguine dove o una piccola ernia), un po’ alla volta, mi sono ripreso e sono ripartito.

Giunto al punto di ristoro e di controllo in località Pozza a circa 18 Km dalla partenza (con la pioggia che continuava a venire a dirotto),l’inguine continuava a farmi male, è sentito alcuni pareri degli addetti all’organizzazione, i quali mi consigliono di non effettuare il giro di circa 8 Km, (che riportava gli atleti nello stesso punto), ma di tagliare verso l’arrivo (anche se porterà alla squalifica della gara), per non peggiorare la situazione.

 

Foto : Il percorso rosso, in evidenza in giallo il tratto non percorso

Così decido di effettuare la deviazione, ma prima di partire decido di cambiarmi la maglia di sotto, di indossare l’altra giacca, il berretto e guanti.

Riparto sotto la pioggia che cade incessante, fino all’arrivo.

Giunto all’arrivo il Garmin segnala come percorsi 34 Km e qualche centinaia di metri…..pensavo che se da  un lato sono dispiaciuto di non avere portato a termine la distanza prefissata, dall’altro, visto la giornata pessima dal punto di vista meteorologico e lo spavento avuto per la caduta  durante la gara (pienamente recuperato), avere effettuato 34 Km non era male.

Dopo la doccia alle 16.00 sono partito, e sono arrivato a casa alle 18.15.

P.S. Buona l’organizzazione della gara dell’ASD Trail Running Brescia

Freguja Daniele

Sito della Gara:

http://www.trailrunningbrescia.org/

Blog del MiticoJane, con il suo commento sulla gara:

http://miticojane.blogspot.com/

Vedi anche Freguja Daniele al Maddalena Urban Trail 2009

http://cavallimarini.wordpress.com/2009/11/22/freguja-alla-maddalena-urban-trail/

Scritto da |2010-11-22T21:16:44+00:0022 Novembre 2010|News|0 commenti